Document 5288

Tumor-associated antigens in normal mucosa of patients with superficial transitional cell carcinoma of
the bladder
Lee E, Schwaibold H, Fradet Y, Huland E, Huland H, J Urol. 1997 Mar;157(3):1070-3.
Study population N = 74
Nozioni fondamentali:
123-
Gli anticorpi monoclonali 19A211 e M344 associati al carcinoma vescicale superficiale hanno dimostrato un'alta frequenza di espressività
nei tumori superficiali, nelle cellule della mucosa normale ed in quelle tumorali, rispetto ai tumori invasivi.
Il 74% dei pazienti affetti da tumore superficiale ed il 62% dei pazienti affetti da tumore invasivo, generalmente presentava più di due
anticorpi.
Nessuno dei due anticorpi reagisce alla proliferazione non neoplastica innescata dal processo infiammatorio o alla metaplasia squamosa
della vescica urinaria.
MAUB is a new mucin antigen associated with bladder cancer
Bergeron A, Champetier S, LaRue H, Fradet Y, J Biol Chem. 1996 Mar 22;271(12):6933-40.
Nozioni fondamentali:
12345-
L'assenza di reattività incrociata tra l'anticorpo M344 e gli anticorpi e le mucine MUC1 e MUC2 suggeriscono l'ipotesi che l'antigene M344
sia una mucina diversa.
Gli epitopi M344 e LDQ10 non sono coespressi sulla stessa molecola.
Mentre le mucine M344 e MUC1 possono essere facilmente distinte, il risultato suggerisce che l'epitopo carboidrato M344 si trovi su una
mucina diversa dalla mucina MUC2.
L'antigene M344 presenta diverse caratteristiche di un buon marcatore tumorale per la gestione del cancro alla vescica. L'espressione
dell'antigene M344 nel 70% dei tumori superficiali e la sua totale assenza nelle cellule normali, ha fornito le basi per la programmazione di
un test diagnostico non invasivo efficace sulle cellule esfoliate dell'urina.
L'espressione dell'antigene M344 si verifica precocemente nel processo di oncogenesi vescicale.
Monoclonal antibody against a tumor-associated sialoglycoprotein of superficial papillary bladder
tumors and cervical condylomas
Fradet Y, LaRue H, Parent-Vaugeois C, Bergeron A, Dufour C, Boucher L, Bernier L.Int J Cancer. 1990 Dec 15;46(6):990-7.
Nozioni fondamentali:
123456-
L'anticorpo 19A211 reagisce in modo selettivo legandosi ai tumori vescicali a cellule ben differenziate, al CIS della vescica e ai condilomi
cervicali.
L'anticorpo 19A211 caratterizza un antigene sialilato non appartenente ad alcun gruppo sanguigno.
Il pattern di immunofluorescenza sulle cellule positive indica la colorazione delle membrane cellulari.
Sebbene il 25% degli individui sani presenti l'antigene 19A211, l'espressione di questo antigene si verifica solo in un numero limitato di
cellule "a ombrello" ed è molto più ridotta rispetto ai pazienti affetti da tumore.
L'antigene 19A211 viene espresso nel 63% dei tumori papillari (Ta) superficiali nell'80% delle lesioni dei CIS, mentre solo nel 20% dei
tumori infiltranti.
M344 e 19A211 sono chiaramente differenti dal punto di vista del peso molecolare dell'antigene e dell'assenza di competizione.
Polymorphic expression of a human superficial bladder tumor antigen defined by mouse monoclonal
antibodies
Fradet Y, Islam N, Boucher L, Parent-Vaugeois C, Tardif M, Proc Natl Acad Sci U S A. 1987 Oct;84(20):7227-31.
Nozioni fondamentali:
1-
L'antigene M344 è espresso nella maggior parte dei tumori superficiali ben differenziati ed è assente nell'urotelio normale o in altri tessuti
normali analizzati.
2- M344 reagisce con 30/44 tumori papillari superficiali o con i tumori in situ e con 4/27 tumori infiltranti.
3- Il risultato più significativo è l'espressione di M344 da parte della maggioranza dei tumori vescicali superficiali che non vengono individuati
dalla citologia diagnostica. Dei 29 tumori non individuati dagli esami citologici, 20 (69%) risultavano positivi all'antigene M344.
4- Il pattern di espressione dell'antigene M344 non è correlato ad alcun fenotipo (gruppo sanguigno) e dall'analisi degli antigeni del sangue
purificato non è risultata alcuna reattività.
5- Alcune caratteristiche dell'antigene M344 suggeriscono che si tratti di un componente citoplasmatico.
The uCyt+ test: An alternative to cystoscopy for a less invasive follow-up with low risk of urothelial
carcinomas
Lodde M, Mian C, Comploj E, Palermo S, Longhi E, Marberger M, Pycha A, Urology. 2006 May
Study population N = 216
Nozioni fondamentali:
1234-
I vantaggi relativi al mantenimento di un programma di cistoscopie fisso per tutti i pazienti, che non tenga conto dei rischi di recidiva e
progressione della malattia nei singli individui, sono discutibili.
I biomarcatori consentono un controllo migliore dei pazienti affetti da cancro alla vescica recidivante che vengono generalmente valutati
mediante cistoscopia periodica, rendendo più efficace l'individuazione di patologie occulte o sfuggite alla diagnosi oppure consentendo
l'individuazione dei pazienti che, nonostante presentino un urotelio apparentemente anomalo, non sono affetti da cancro alla vescica.
Data la buona sensibilita’ per i tumori di tutti i gradi e l’alto valore negativo predittivo, si potrebbe ipotizzare una riduzione dell'attuale
programma di follow-up consistente in un esame cistoscopico e citologico ogni tre mesi per 2 anni, ad un follow-up con un test
ImmunoCyt/uCyt+ combinato con la citologia ogni sei mesi ed una cistoscopia ogni anno.
Il test ImmunoCyt/uCyt+ utilizzato in combinazione con l'esame citologico (al posto della cistoscopia) consentirebbe di ridurre la morbilità
ed i costi relativi al follow-up dei pazienti con carcinoma uroteliale (UC) a basso rischio senza comprometterne il decorso clinico.
uCyt+/ImmunoCytTM in the detection of recurrent urothelial carcinoma: an update on 1991 analyses
Mian C, Maier K, Comploj E, Lodde M, Berner L, Lusuardi L, Palermo S, Vittadello F, Pycha A, Cancer. 2006 Feb 25;108(1):60-5.
Study population N = 942
Nozioni fondamentali:
12-
Lo studio conferma l'efficacia del test ImmunoCyt/uCyt+ nella prima diagnosi e nel follow-up dei pazienti affetti da UC.
Il test ImmunoCyt/uCyt+ potrebbe ridurre la morbilità ed i costi relativi al follow-up dei pazienti che presentino un basso rischio di recidive e
progressione, evitando in tal modo di sottoporli ad esami cistoscopici superflui.
Performance of Urine Test in Patients Monitored for Recurrence of Bladder Cancer: A Multicenter
Study in the United States
Messing EM, Teot L, Korman H, Underhill E, Barker E, Stork B, Qian J, Bostwick DG, J Urol. 2005 Oct;174(4, Part 1 of 2):1238-1241
Study population N = 341
Nozioni fondamentali:
12-
La capacità d’individuare tumori a basso grado, superficiali e di piccole dimensioni, rende ImmunoCyt il marcatore più adatto per il
monitoraggio delle strategie a favore dei pazienti di cancro alla vescica a basso rischio.
ImmunoCyt è un test sensibile per l'individuazione del cancro alla vescica. Grazie all'elevata sensibilità di rilevamento dei tumori di piccole
dimensioni (inferiori a 1 cm) e a basso grado istologico nonché all'alto valore predittivo negativo (NPV), questo test potrebbe incidere sulla
riduzione della frequenza degli esami cistoscopici per i pazienti con cancro alla vescica a basso rischio.
The value of the ImmunoCyt/uCyt+ test in the detection and follow-up of carcinoma in situ of the
urinary bladder
Mian C, Lodde M, Comploj E, Palermo S, Mian M, Maier K, Pycha A, Anticancer Res. 2005 Sep-Oct;25(5):3641-4
Study population N = 35 (CIS)
Nozioni fondamentali:
12345-
Le sensibilità degli altri marcatori tumorali per la diagnosi del carcinoma uroteliale della vescica disponibili sono risultate deludenti per la
formulazione di diagnosi di carcinomi in situ (CIS).
La sensibilità complessiva del test ImmunoCyt/uCyt+ nel gruppo sottoposto a BCG (Bacillo di Calmette-Guerin) è risultata pari all'85%,
ovvero molto più elevata rispetto a quella del test citologico e conforme ai dati della maggior parte dei report su vasta scala.
Il test ImmunoCyt/uCyt+ potrebbe riflettere la presenza di cellule esprimenti antigeni in un momento in cui non è stato possibile
interpretarle correttamente dal punto di vista morfologico a causa degli effetti della terapia.
La presenza di cellule esprimenti l'antigene dopo 6 cicli settimanali di BCG potrebbe indicare dei non rispondenti alla terapia o un gruppo
di tumori che realmente trarrebbero vantaggio da cicli di instillazione più lunghi.
Il test ImmunoCyt/uCyt+ potrebbe giocare un ruolo fondamentale nel controllo della risposta dei pazienti alle terapie di instillazione o nella
modifica dei programmi di applicazione.
ImmunoCyt/uCyt+TM improves the sensitivity of urine cytology in patients followed for urothelial
carcinoma
Tetu B, Tiguert R, Harel F, Fradet Y, Modern Pathology (2005) 18, 83–89.
Study population N = 870
Nozioni fondamentali:
123456-
Se il test ImmunoCyt/uCyt+ è positivo, è necessario eseguire una cistoscopia e nel caso in cui non venga riscontrato alcun tumore,
dovrebbe essere valutata ed esclusa l'ipotesi di tumore dell'apparato urinario superiore.
Un NPV pari al 95% indica che se il test ImmunoCyt/uCyt+ e’ negativo i pazienti da sottoporre ad un protocollo standard per anamnesi di
cancro alla vescica hanno poche probabilità di presentare recidive ed e’ quindi possibile posticipare la successiva cistoscopia di controllo.
Un NPV pari al 95% indica che nei pazienti giovani affetti da sintomi urinari, se il test ImmunoCyt/uCyt+ è negativo, è difficile riscontrare la
presenza di tumore alla vescica ed è quindi possibile evitare la cistoscopia.
Un test ImmunoCyt/uCyt+ positivo associato ad una cistoscopia negativa è predittivo di recidività superiore nei mesi a venire.
L'alta sensibilità del test ImmunoCyt/uCyt+ potrebbe consentire ai patologi e citologi di ridurre i tempi di screening dei preparati, in
particolare nei casi di atipie che avvalorano l'ipotesi di malignità e tumori di basso stadio e a basso grado.
Il test ImmunoCyt/uCyt+ potrebbe migliorare la sensibilità particolarmente ridotta dell'esame citologico nell'individuare il carcinoma a cellule
uroteliali dell'apparato urinario superiore.
Comparison of the ImmunoCyt test and urinary cytology with other urine tests in the detection and
surveillance of bladder cancer
Toma MI, Friedrich MG, Hautmann SH, Jakel KT, Erbersdobler A, Hellstern A, Huland H, World J Urol. 2004 Jun;22(2):145-9. Epub
2004 Feb 27
Study population N = 126
Nozioni fondamentali:
123-
Il test ImmunoCyt/uCyt+, da solo o in combinazione all'esame citologico, presenta una sensibilità superiore al test BTA (Bladder Tumor
Antigen), NMP22, 486p3/12 o UroVysion.
La specificità del test ImmunoCyt/uCyt+ e’ pari al 73,8% ed e’ quindi confrontabile alla specificità di altri marcatori, inclusi i test BTA stat,
NMP22 e 486p3/12 con immunocitologia.
Il test ImmunoCyt/uCyt+ in combinazione all'esame citologico potrebbe consentire un miglior controllo dei pazienti con anamnesi positiva
per carcinoma della vescica.
Liquid-based cytology as a tool for the performance of uCyt+ and Urovysion Multicolour-FISH in the
detection of urothelial carcinoma
Mian C, Lodde M, Comploj E, Negri G, Egarter-Vigl E, Lusuardi L, Palermo S, Marberger M, Pycha A, Cytopathology. 2003
Dec;14(6):338-42
Study population N = 181
Nozioni fondamentali:
12-
Il test ImmunoCyt/uCyt+ potrebbe essere una procedura adeguata per lo screening dei pazienti a rischio di UC (fumoatori, industria
chimica per es.) e per il controllo dei pazienti in follow up, evitando in tal modo di sottoporli a superflui esami cistoscopici.
Utilizzando la citologia a stato sottile (ThinPrep®) è possibile eseguire, sullo stesso materiale, ulteriori esami diagnostici e prognostici,
come il test ImmunoCyt/uCyt+.
Improved detection of urothelial carcinomas with fluorescence immunocytochemistry (uCyt+ assay)
and urinary cytology: results of a French Prospective Multicenter Study
Piaton E, Daniel L, Verriele V, Dalifard I, Zimmermann U, Renaudin K, Gobet F, Caratero A, Desvaux D, Pouille Y, Seigneurin D, Lab
Invest. 2003 Jun;83(6):845-52.
Study population N = 694
Nozioni fondamentali:
123-
Un test ImmunoCyt/uCyt+ positivo ha un alto valore predittivo di recidiva dopo un anno (47% contro l'11,9% nel gruppo di controllo).
Rispetto agli altri test che presentano un'insufficiente sensibilità ed una scarsa specificità per il UC oppure gravi limiti tecnici,
l'immunocitochimica a fluorescenza del test ImmunoCyt/uCyt+ sembra essere la soluzione più promettente.
Questo studio prospettico multicentrico dimostra che il test ImmunoCyt/uCyt+ aumenta il valore diagnostico dei campioni di urina e che i
migliori risultati si ottengono dalla combinazione del test ImmunoCyt/uCyt+ e dell'esame citologico ( in tutti i centri partecipanti allo studio
10 dipartimenti di urologia, 9 dipartimenti di patologia).
ImmunoCyt test improves the diagnostic accuracy of urinary cytology: results of a French multicenter
study
Pfister C, Chautard D, Devonec M, Perrin P, Chopin D, Rischmann P, Bouchot O, Beurton D, Coulange C, Rambeaud JJ, J Urol. 2003
Mar;169(3):921-4
Study population N = 694
Nozioni fondamentali:
123-
La buona capacita’ diagnostica della citologia urinaria ed il test ImmunoCyt/uCyt+ combinati suggerisce che tali esami non invasivi
potrebbero sostituire la cistoscopia in pazienti selezionati, in particolare nei protocolli di follow-up per il carcinoma a cellule transizionali
(TCC) a basso grado.
La sensibilità e la specificità del test ImmunoCyt/uCyt+ sono tali da consentire un risparmio economico per paziente nei 3 anni di follow
up.
I metodi non invasivi che potrebbero sostituire la cistoscopia, esame alquanto lungo e fastidioso che può indurre infezioni nosocomiali,
potrebbero risultare utili nell'ambito delle comuni procedure urologiche.
Role of uCyt+ in the detection and surveillance of urothelial carcinoma
Lodde M, Mian C, Negri G, Berner L, Maffei N, Lusuardi L, Palermo S, Marberger M, Brossner C, Pycha A, Urology. 2003
Jan;61(1):243-7
Study population N = 235
Nozioni fondamentali:
123-
L'uso del test ImmunoCyt/uCyt+ potrebbe ridurre la morbilità ed i costi relativi al follow-up dei pazienti affetti da tumori a basso grado ed a
basso tasso di recidività, evitando l'esecuzione di esami cistoscopici superflui.
L'uso del test ImmunoCyt/uCyt+ consentirebbe una miglior osservazione dei pazienti con sospetto clinico di UC dell'apparato urinario
superiore.
Il test ImmunoCyt/uCyt+ sarebbe giustificato per i pazienti che presentano un tumore primario sconosciuto e per quelli che desiderano
sottoporsi ad uno screening spontaneo.
ImmunoCyt a useful method in the follow-up protocol for patients with urinary bladder carcinoma
Olsson H, Zackrisson B., Scand J Urol Nephrol. 2001 Sep;35(4):280-2
Study population N = 121
Nozioni fondamentali:
1234-
Rispetto ad altri test su base urinaria, ImmunoCyt presenta una sensibilità complessiva superiore.
ImmunoCyt presenta una sensibilità superiore rispetto ai test BTA stat e NMP22 ed è affidabile al punto da poter evitare di sottoporre
alcuni pazienti agli esami cistoscopici.
Il test ImmunoCyt può essere facilmente eseguito in un piccolo laboratorio.
Con il test ImmunoCyt è possibile ottenere il risultato il giorno stesso in cui il laboratorio riceve il campione di urina.
ImmunoCyt: a new tool for detecting transitional cell cancer of the urinary tract
Mian C, Pycha A, Wiener H, Haitel A, Lodde M, Marberger M, J. Urol. 1999 May;161(5):1486-9.
Study population N = 264
Nozioni fondamentali:
12-
ImmunoCyt è un test non invasivo ad alta sensibilità per l'individuazione di qualunque grado e stadio del carcinoma a cellule transizionali
(TCC), con una sensibilità per pTis del 100%.
Associato all'esame citologico urinario convenzionale, il test ImmunoCyt potrebbe sostituire la cistoscopia nei pazienti che presentano un
TCC a basso grado (G1) e di basso stadio (Ta).
ImmunoCyt: a new tool for detecting transitional cell cancer of the urinary tract
Lodde M, Mian C, Pycha A, Wiener H, Haitel A, Marberger M, AUA 1999
Study population N = 432
Nozioni fondamentali:
12-
Si ritiene che il test ImmunoCyt possa assumere un ruolo fondamentale nell'individuazione del TCC dell'apparato urinario superiore.
I pazienti in follow up per TCC con ImmunoCyt falso positivo presentano una recidiva in un arco di tempo compreso tra 3 e 6 mesi nel 36%
dei casi.
`